/* Banner Amazon*/ /* Fine Banner Amazon*/

«

»

Asd Canoa Club Livorno, dalle sfide Internazionali ad Effetto Venezia

Sempre più protagonista nel panorama sportivo labronico, l’asd canoa Club Livornoche grazie alla collaborazione con il Comitato Palio, ha varato nella sera dell’inaugurazione di Effetto Venezia il nuovo Dragon Boat, sfilando per i canali della Venezia con il neo nato gruppo delle Bimbe in Rosa. La nuova barca, acquistata grazie ad un contributo della Susan G. Komen Italia, verrà adibita alla crescita delle attività a sostegno delle donne in generale ed in particolare della riabilitazione post mastectomia, colmando cosi un gap che vedeva assente a Livorno questo tipo di pratica.

Il gruppo delle Bimbe in Rosa, sostenuto dall’Associazione Livorno Donna sport e Salute onlus, dalla sezione LILT livornese, dall’Unione Donne Italiane ed inserito tra i programmi AFA della USL livornsese – spiega il presidente Alessandro Pagni – rappresenta per il Club la nascita non solo di un nuovo team ma di un intero settore, quello appunto legato al Dragon Boat che vogliamo sviluppare ed estendere alle scuole, agli adulti, alle aziende ed ai gruppi in generale. Come avete avuto modo di vedere, il “Dragone” (come si chiama in gergo, date le dimensioni considerevoli e visto che può contenere fino a 20 vogatori più timoniere e tamburino) è una barca molto stabile e coinvolgente, tanto che viene usata molto anche nei progetti legati alla disabilità ed all’integrazione con vogatori anche non esperti.

Ed è proprio insieme al timoniere d’eccezione per questa prima uscita, Claudio Kaminsky, volto storico della Canoa Livornese insieme a Roberto Sardi, entrambi in forze al Canoa Club Livorno, che stiliamo un primo bilancio di questo interessante anno sportivo.

Con Ilenia Pellegrini (allenatrice e promoter oltre che delle Bimbe in Rosa anche del settore Giovanile) ripercorriamo le tappe di questo anno, durante il quale il Club di Stagno, a seguito di una serie di vittorie nel circuito regionale e nazionale, si è confermato per la quinta volta la prima società Toscana, venendo chiamata a difendere i colori regionali nella prestigiosa Coppa Coni in programma a fine Settembre. Sfruttiamo l’occasione quindi per un ringraziamento doveroso alla Chemical Flap che ha sponsorizzato l’acquisto del nuovissimo K4 mini inaugurato in occasione dell’ultima trasferta nazionale. La disciplina della Canoa, infatti, si impara utilizzando inizialmente barche singole per poi passare agli equipaggi a 2 e 4 posti.

Continuando a parlare di risultati, in questo traguardo di mezza estate, il pensiero passa subito alle competizioni internazionali, come evidenzia il Direttore Tecnico Gianluca Mancini, con i due atleti di punta del settore Marathon Niccolò Neri e Tommaso Tremolanti, che dopo una combattutissima gara hanno sfiorato il podio ai Campionati Europei di Maratona appena conclusosi in Francia, ed ai due atleti di punta del settore Velocità, Giulia Senesi e Flavio Spurio, già reduci da importanti risultati ai Campionato Europei di Velocità ed attualmente impegnati nei Campionati del Mondo di Pitesti, insieme a Franco Spurio, genitore di Flavio, convocato in veste di Collaboratore Logistico della Nazionale Italiana.

Tra i giovanissimi e gli atleti più grandi, ricorda il Presidente del Club, e nel segno della continuità del lavoro svolto dai nostri ottimi tecnici, dobbiamo citare Simone Mazzara, esordiente nelle categorie superiori al primo anno ragazzi, che, dopo un anno di successi in crescendo, è stato convocato per gli Olympic Hopes in programma per metà settembre a Bratislava.

Risultati che confermano sia la passione che la professionalità profuse al Club di Stagno, ma soprattutto sottolineano come in uno sport d’acqua e di fatica, come è appunto la Canoa, non esistono improvvisazioni o approssimazioni ma solo costanza, impegno e competenza.

E le prossime sfide?

Ci stiamo dotando di un nuovo pontile ad accessibilità aumentata con una passerella idonea anche alle carrozzine, grazie al quale estenderemo il Dragon Boat anche agli atleti diversamente abili e, come già detto, punteremo ad estendere ed ampliare la disciplina del Dragon Boat, per il quale stiamo aspettando conferme ufficiali da importanti realtà cittadine. Del resto, a dispetto dei risultati eccellenti per un Club piccolo, diciamo familiare, come il nostro, i bilanci sono sempre troppo stretti e rendono la disponibilità di sponsorizzazioni importante e quasi fondamentale per sostenere i mille impegni del club.

Inoltre, come ogni anno ripartirà a settembre la Leva di canoa per i ragazzi/e che andranno ad infoltire le file del Club.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>